Loading...
Attenzione Traders!
Pericolo!

Siti web fraudolenti cerano di mostrare di avere connessioni con JFD

Si prega di essere consapevoli dei siti Web fraudolenti che si presentano come affiliati e / o controparti di JFD.

Piu informazioni
by Charalambos Pissouros

Previsioni settimanali: 27 aprile - 01 maggio: decisioni sulla Fed, BCE e Riksbank

Questa settimana sembra impegnata in termini di dati economici e rilasci. Ci sono quattro banche centrali sul calendario, con la BoJ che sta già decidendo questa mattina. Martedì è la volta della Riksbank, mercoledì abbiamo la Fed e giovedì la BCE. Per quanto riguarda i dati, otteniamo PIL preliminari per il primo trimestre dagli Stati Uniti e dall'Eurozona, mentre dalla Nuova Zelanda e dall'Australia abbiamo rispettivamente i rapporti sull'occupazione e sull'IPC del trimestre.

Il lunedì sembra essere un giorno relativamente leggero in termini di dati economici e pubblicazioni, poiché il calendario è quasi vuoto.

L'unico annuncio importante è già stato fatto e questa è stata la decisione di politica monetaria della BoJ. La Banca ha deciso di estendere i suoi sforzi di stimolo per combattere le ricadute economiche dovute al coronavirus, per il secondo mese consecutivo. I funzionari hanno deciso di aumentare la quantità massima di obbligazioni societarie e carte commerciali a cui sono impegnati, a 20 trilioni di yen giapponesi da circa 7 trilioni di yen in precedenza. La Banca ha inoltre chiarito il proprio impegno ad acquistare quantità illimitate di titoli di stato, rimuovendo la guida per quanto riguarda gli acquisti a un ritmo annuale di 80 trilioni di yen giapponesi.

 

Martedì, nella sessione europea, la Riksbank prende il suo turno. Il 16 e 19 marzo, la Riksbank ha deciso di estendere quest'anno i suoi acquisti di obbligazioni fino a 300 miliardi di corone svedesi al fine di mitigare gli effetti della pandemia, mentre il 26 marzo i funzionari hanno deciso di avviare acquisti di carte commerciali emesse da non svedesi società finanziarie. Sembra che i politici svedesi non vogliano ridurre i tassi in acque negative, ed è per questo che stanno espandendo i loro acquisti.

Sweden CPIs inflation

Da allora, i dati sull'inflazione hanno mostrato che entrambi i tassi CPI e CPIF sono scesi a + 0,6%base annua da + 1,0%, mentre quello CPIF di base, che esclude l'energia, è sceso a + 1,5% su base annua da + 1,6%. Dato che la riduzione del tasso CPIF core non era così grande come nelle stampe dei titoli, possiamo affermare con certezza che il calo dei titoli è dovuto principalmente alla caduta dei prezzi del petrolio. Ciò può consentire ai funzionari di attendere ancora un po 'prima di decidere se sono necessarie misure aggiuntive, in quanto preferiscono attendere e vedere se le misure già adottate stanno producendo gli effetti desiderati.

Nel corso della giornata, otteniamo l'indice di fiducia dei consumatori del Conference Board degli Stati Uniti per aprile, che dovrebbe scendere a 88,0 da 120,0.

Mercoledì la torcia della banca centrale sarà passata al FOMC. Questa sarebbe la prima riunione ordinaria da gennaio, dopo la quale il Comitato ha deciso di procedere con una serie di misure simulative, tra cui la riduzione dei tassi nell'intervallo 0-0,25% e un numero illimitato di acquisti di QE, per sostenere l'economia americana dai danni del coronavirus .

Fed funds futures market rate expectations

Il 26 marzo, il presidente della Fed Powell ha sottolineato che la Fed non finirà le munizioni nel suo tentativo di stimolare l'economia, ma da allora hanno annunciato programmi considerati come un intervento "mai visto prima" nell'economia degli Stati Uniti. Il Comitato ha annunciato che acquisterà obbligazioni societarie, garantirà prestiti diretti alle imprese e avvierà un programma per fornire credito alle piccole e medie imprese. Hanno anche annunciato che acquisteranno quantità illimitate di titoli del Tesoro e di titoli garantiti da ipoteca per consentire il corretto funzionamento del mercato del debito degli Stati Uniti. Dato che la Fed non è mai stata a favore del regime dei "tassi negativi", tutte queste misure ci fanno credere che, ora, ci sono poche munizioni di allentamento nella camera e, quindi, i politici potrebbero preferire stare in piedi per ora e aspettare un po ' vedere se le misure già adottate stanno producendo l'effetto desiderato sull'economia.

Per quanto riguarda le uscite di mercoledì, durante le negoziazioni asiatiche, i mercati giapponesi saranno chiusi a causa dello Showa Day, ma otteniamo dati importanti dalla Nuova Zelanda e dall'Australia.

Con la Nuova Zelanda, abbiamo la relazione sull'occupazione per il primo trimestre e la bilancia commerciale per marzo. Si prevede che il tasso di disoccupazione sia aumentato al 4,2% dal 4,0%, mentre si prevede che la variazione netta dell'occupazione abbia accelerato allo 0,3% su base trimestrale da + 0,2%. Nessuna previsione è disponibile per quanto riguarda i dati commerciali della nazione.

                               New Zealand unemployment rate

Il 15 marzo, la RBNZ ha proceduto a una riduzione del tasso di 75 pb, rilevando che le prospettive si sono "deteriorate in modo significativo". I funzionari hanno anche aggiunto che il tasso rimarrà allo 0,25% almeno per 12 mesi, il che significa che non ci saranno più tagli all'orizzonte. Detto questo, hanno convenuto che, qualora fosse necessario un ulteriore stimolo, sarebbe preferibile un programma di acquisto di attività su larga scala. Detto questo, tuttavia, non crediamo che un programma di QE sarà introdotto al prossimo incontro. L'inflazione è accelerata a + 2,5% nel 1 ° trimestre da + 1,9%, mentre un potenziale aumento nell'u Il 15 marzo, la RBNZ ha proceduto a una riduzione del tasso di emergenza di 75 pb, rilevando che le prospettive si sono "deteriorate in modo significativo". I funzionari hanno anche aggiunto che il tasso rimarrà allo 0,25% almeno per 12 mesi, il che significa che il tasso di disoccupazione può essere dovuto a buoni motivi. Dopotutto, i nuovi posti di lavoro aggiunti dovrebbero aver accelerato qualcosa, suggerendo che l'aumento del tasso di disoccupazione potrebbe essere dovuto al fatto che un numero maggiore di disoccupati inizia a cercare attivamente un lavoro.

Dall'Australia, otteniamo i numeri di inflazione per il primo trimestre. Si prevede che la percentuale del titolo sia passata da + 1,8% su base annua a + 2,0%, che è il limite inferiore dell'intervallo obiettivo dell'RBA. Detto questo, si prevede che i tassi medi ridotti e medi ponderati siano rimasti decentemente inferiori. Si prevede che la media ponderata sia rimasta stabile a + 1,6% su base annua, mentre si prevede che la media ponderata sia aumentata a + 1,5% su base annua dall'1,3%.

Australia CPIs inflation

L'ultima volta che si sono incontrati, i politici australiani hanno lasciato invariata la politica monetaria e hanno offerto alcuni dettagli riguardo al loro programma di QE. Hanno osservato che faranno ciò che è necessario per raggiungere un obiettivo di rendimento a 3 anni dello 0,25%, con l'obiettivo che dovrebbe rimanere in vigore fino a quando non verranno compiuti progressi verso gli obiettivi di piena occupazione e inflazione. Tuttavia, hanno aggiunto che se le condizioni continuano a migliorare, è probabile che saranno richiesti acquisti più piccoli e meno frequenti di titoli di Stato.

Dopo aver affermato che i tassi di interesse hanno raggiunto il loro limite inferiore effettivo nella riunione precedente, i punti di cui sopra suggeriscono che vi sono pochissime possibilità di espandere il loro programma di QE. Al contrario, potrebbero presto ridimensionarlo se la diffusione del coronavirus continua a stabilizzarsi. Pertanto, è improbabile che numeri di inflazione leggermente migliori possano farli cambiare idea. Riteniamo che, affinché ciò accada, la diffusione della pandemia potrebbe dover perdere di nuovo il controllo. L'australiano potrebbe ottenere un po 'di dati migliori, ma in una prospettiva più ampia, potrebbe essere un'altra vittima dei cambiamenti nel morale generale degli investitori.

Durante la mattinata europea, i CPI preliminari della Germania per aprile stanno uscendo. Si prevede che entrambe le percentuali di IPC e IPCA siano scese in particolare, a + 0,5% su base annua e + 0,6% su base annua rispettivamente da + 1,4% e + 1,3%. Ciò solleverebbe speculazioni sul fatto che il tasso principale per l'intera zona euro, previsto per giovedì, potrebbe seguire l'esempio.

Negli Stati Uniti, oltre alla decisione del FOMC, otteniamo la stampa preliminare del PIL per il primo trimestre. Le aspettative sono per una contrazione del SAAR del qoq del 4,0%, dopo un'espansione del SAAR del qoq del 2,1% negli ultimi tre mesi del 2019. Una contrazione dell'economia statunitense non sarebbe una sorpresa per nessuno, data la rapida diffusione del coronavirus negli Stati Uniti durante l'ultimo mese del trimestre. Detto questo, sarebbe interessante vedere quanto in profondità sono state le ferite. Secondo i modelli Atlanta GDPNow e New York Nowcast, l'economia si è contratta solo dello 0,3% e dello 0,4% rispettivamente, qualcosa che sposta i rischi delle previsioni ufficiali al rialzo.

US GDP qoq SAAR

Giovedì abbiamo un'altra banca centrale che decide in merito alla politica monetaria e questa è la BCE. Giovedì scorso, i dati preliminari hanno rivelato che il PMI PMI manifatturiero nell'area dell'euro è sceso a 33,6 da 44,5, toccando il minimo dal febbraio 2009, mentre l'indice dei servizi è sceso a 11,7, il più basso di sempre, trascinando il PMI composito da 13 a 13,5 da 29,7. Nonostante i recenti segnali che la pandemia possa stabilizzarsi, questi dati suggeriscono che le prospettive economiche dell'Eurozona hanno continuato a deteriorarsi all'inizio del secondo trimestre dell'anno e resta da vedere se ciò, combinato con un potenziale rallentamento dell'inflazione, spingerà la BCE amplierà ulteriormente i suoi sforzi di stimolo. Per la cronaca, un paio di settimane fa, la presidente Christine Lagarde ha affermato che lei e i suoi colleghi si sono impegnati a fare tutto il possibile per combattere la crisi.

Eurozone PMIs vs GDP yoy

Per quanto riguarda i dati di giovedì, durante la sessione asiatica, otteniamo la produzione industriale preliminare del Giappone e le vendite al dettaglio, sia per marzo. Si prevede che la produzione industriale sia diminuita del 5,2% m / m dopo aver ceduto lo 0,3% a febbraio, mentre si prevede che le vendite al dettaglio siano diminuite del 4,7% dopo essere cresciute dell'1,6%. Anche le PMI ufficiali della Cina per aprile stanno uscendo, ma al momento non sono disponibili previsioni. Dopo il rallentamento e la stabilizzazione del coronavirus in Cina da marzo, non saremmo sorpresi se le PMI rivelassero un altro mese di espansione sia nel settore manifatturiero che in quello dei servizi.

Durante la giornata europea, i CPI preliminari dell'Eurozona per aprile e la prima stima del blocco del PIL del primo trimestre dovrebbero essere rilasciati, poche ore prima della decisione della BCE. Si prevede che sia i tassi dell'IPC sia quelli principali saranno precipitati a + 0,1% su base annua e + 0,7% su base annua da + 0,7% e + 1,0% rispettivamente, mentre i dati sul PIL indicano che l'economia dell'area dell'euro si è ridotta del 3,2% qoq dopo aver espanso solo lo 0,1% qoq negli ultimi tre mesi del 2019. Il caso di una notevole flessione dell'inflazione nell'area dell'euro è supportato dal potenziale declino dell'inflazione tedesca di mercoledì, mentre, tenendo conto della rapida diffusione del coronavirus , un'economia contraente non è altro che un dato per la comunità finanziaria. Pertanto, riteniamo che i commercianti di EUR possano concentrarsi maggiormente sulla risposta della BCE ai danni causati dalla pandemia piuttosto che sui dati stessi.

German vs Eurozone CPIs  inflation

Dagli Stati Uniti, otteniamo dati sul reddito personale e sulla spesa per marzo, insieme all'indice PCE core del mese, mentre dal Canada otteniamo il tasso mensile del PIL per febbraio. Si prevede che sia il reddito personale sia la spesa degli Stati Uniti siano diminuiti dell'1,5% su base mensile e del -5,0% su base mensile, rispettivamente da + 0,6% e + 0,2%, mentre non sono disponibili previsioni per il tasso PCE core. Si prevede che il PIL canadese sia cresciuto del + 0,1% m / m, lo stesso ritmo di febbraio.

Infine, venerdì è la festa del lavoro in diverse nazioni sotto il nostro radar. Riceviamo dati solo dal Giappone, dal Regno Unito e dagli Stati Uniti. Durante la mattinata asiatica, gli IPC di Tokyo dovrebbero essere rilasciati, con un tasso core che dovrebbe scendere a + 0,1% su base annua da + 0,4%. Nessuna previsione è disponibile per il tasso principale.

Nel corso della giornata, il PMI manifatturiero finale nel Regno Unito per marzo dovrebbe essere rivisto a 32,8 da 32,9, mentre negli Stati Uniti si prevede che l'indice di produzione ISM per il mese sia sceso a 49,7 da 36,1. Anche il PMI manifatturiero finale di Markit sta uscendo, ma come sempre accade, si prevede che confermerà la sua stima preliminare di 36,9.

Nota: il testo e' stato tradotto dall'articolo originale in lingua inglese

Disclaimer:

Il contenuto che produciamo non costituisce un consiglio di investimento o una raccomandazione di investimento (non deve essere considerato come tale) e non costituisce in alcun modo un invito ad acquisire alcun strumento o prodotto finanziario. Il Gruppo di società di JFD, le sue affiliate, agenti, direttori, funzionari o dipendenti non sono responsabili per eventuali danni che possono essere causati da commenti o dichiarazioni individuali degli analisti di JFD e non si assume alcuna responsabilità in merito alla completezza e correttezza del contenuto presentato . L'investitore è il solo responsabile del rischio delle sue decisioni di investimento. Di conseguenza, si dovrebbe cercare, se si ritiene appropriato, una consulenza professionale indipendente pertinente sull'investimento considerato. Le analisi e i commenti presentati non includono alcuna considerazione dei vostri obiettivi di investimento personali, circostanze finanziarie o esigenze. Il contenuto non è stato preparato in conformità con i requisiti legali per le analisi finanziarie e deve pertanto essere considerato dal lettore come informazione di marketing. JFD vieta la duplicazione o la pubblicazione senza esplicita approvazione.

 

Il 76% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi. Si prega di leggere l'informativa completa sui rischi.

Copyright 2020 JFD Group Ltd.

WEEKLY FINANCIAL NEWSLETTER
RIGHT INTO YOUR MAILBOX!
SUBSCRIBE TO JFD'S STRATEGIC REPORT

ALTRE INFORMAZIONI SUL MERCATO